Usa, calano richieste sussidi disoccupazione, licenziamenti giugno a minimi 21 anni

·1 minuto per la lettura
Bandiera degli Stati Uniti a Orlando,

WASHINGTON (Reuters) - La scorsa settimana il numero di cittadini americani che hanno richiesto sussidi di disoccupazione è calato oltre le attese, mentre i licenziamenti sono crollati ai minimi di 21 anni a giugno, con la scarsa disponibilità di lavoratori che ha spinto le aziende a tenere i propri dipendenti.

Le richieste preliminari di sussidi statali di disoccupazione sono calate di 51.000 unità a 364.000, in termini destagionalizzati, per la settimana al 26 giugno, secondo i dati del Dipartimento del lavoro.

Tuttavia il ritmo del calo è rallentato da maggio, mese in cui le richieste sono calate sotto la soglia di 400.000 unità per la prima volta da marzo 2020, quando sono state imposte chiusure obbligatorie delle attività non essenziali per rallentare la prima ondata di contagi da Covid-19.

Le richieste sono aumentate a metà giugno, interrompendo una serie di sei settimane consecutive di cali. Gli economisti intervistati da Reuters avevano previsto 390.000 richieste per la scorsa settimana.

Le richieste di sussidi sono in calo dal record di 6,149 milioni a inizio aprile 2020, ma sono ancora ben superiori al range di 200.000-250.000 considerato coerente con un mercato del lavoro in buona salute.

(Tradotto a Danzica da Enrico Sciacovelli, in Redazione a Milano Sabina Suzzi, enrico.sciacovelli@thomsonreuters.com, +48587696613)

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli