Usa, Camera approva la legge bilancio che mette fine a shutdown

US-POLITICS-BUDGET-IMMIGRATION

Il Congresso americano ha approvato l'accordo sul bilancio cruciale per finanziare le attività dello Stato federale e le riforme volute dal presidente Donald Trump, alla fine di una maratona in cui le attività del governo si sono bloccate per alcune ore nella notte.

Con una maggioranza di 240 voti contro 186, la Camera ha approvato la misura per sventare lo 'shutdown', ore dopo che l'ok era arrivato al Senato, ottenuto più agevolmente, con 71 sì e 28 no. Il governo federale era tecnicamente in 'shutdown' dalla mezzanotte, con conseguente chiusura delle attività per la seconda volta in tre settimane, dopo lo stop del 20 gennaio, durato tre giorni. Il testo è poi passato sul tavolo di Trump, che l'ha firmato mettendo fine alla 'saga' che durava da mesi. Annunciandolo su Twitter, Trump ha anche puntato il dito contro le 'concessioni' ai democratici, di cui ha detto che "tristemente" era necessario il sostegno.

L'intesa dà a Trump la possibilità di mantenere una delle promesse della campagna elettorale, cioé l'aumento del budget militare, accrescendo il tetto del debito sino al marzo 2019. L'opposizione democratica ha invece ottenuto un analogo aumento per le spese non militari legate a infanzia povera, investimenti in infrastrutture, o aiuti per 90 miliardi di dollari per gli Stati colpiti da uragani e incendi nel 2017. In totale, l'aumento potrebbe raggiungere i 300 miliardi di dollari l'anno, secondo fonti del Senato. "Il nostro esercito ora sarà più forte che mai", ha scritto Trump su Twitter, aggiungendo: "Avendo meno repubblicani al Congresso, siamo stati costretti ad aumentare la spesa su cose che non ci piacciono o che non vogliamo, allo scopo, dopo molti anni di svuotamento, finalmente di prendendoci cura delle nostre forze armate. Tristemente, avevamo bisogno dei voti democratici per quell'approvazione".

Inoltre: "I costi delle linee non militari non scenderanno mai, se non eleggiamo più repubblicani nelle elezioni del 2018 e oltre", e "Fortunatamente il Daca non è incluso in questa misura, i negoziati iniziano ora!". Il voto era stato bloccato dal senatore Rand Paul, repubblicano del Kentucky, contrario all'aumento della spesa e del tetto del debito. "Non penso in tutta onestà e in buona fede di poter ignorare la cosa", aveva detto denunciando "l'ipocrisia" dei colleghi repubblicani che avevano rifiutato la stessa proposta fatta dall'allora presidente democratico, Barack Obama.

La presidenza del Senato ha dovuto sospendere la seduta a mezzanotte, per aprirne una nuova un minuto più tardi e convocare un voto. La Camera ha votato sullo stesso testo poco dopo le 5.30 locali. Nel pomeriggio l'ufficio per il bilancio della Casa Bianca aveva predetto una disfatta e chiesto alle agenzie del governo di "prepararsi a un'interruzione dei fondi", secondo un funzionario di alto rango. Il leader della maggioranza, il repubblicano Mitch McConnell, e l'omologo democratico, Chuck Schumer, hanno poi trovato un terreno d'intesa sulle somme dei bilancio 2018 e 2019, permettendo al governo di pianificare a lungo termine le sue spese e i suoi investimenti.

"Questo bilancio fa entrambe le cose: finanzia il nostro esercito e la classe media, che da decenni soffre di un'inutile austerità che il Congresso ha esso stesso imposto", ha affermato Schumer giovedì. Tuttavia, alcuni repubblicani credono che il testo aumenterà in modo considerevole il debito del Paese, anche in relazione alla riforma fiscale che ha previsto riduzioni delle tasse. I democratici si opponevano poi alla previsione di non menzionare la stabilizzazione di centinaia di migliaia di dreamer, gli immigrati entrati in modo illegale nel Paese quando erano bambini e poi protetti da una misura dell'era Obama, il Daca. Trump ha abrogato il decreto del predecessore e dato al Congresso tempo sino al 5 marzo per trovare una soluzione legislativa. L

'opposizione voleva legare il loro destino alla legge, cosa che tre settimane fa aveva portato allo shutdown. I repubblicani hanno detto che la questione sarà affrontata, mentre l'attuale proposta della Casa Bianca è stata bocciata dai democratici (prevederebbe una via per la cittadinanza per 1,8 milioni di persone, ma anche un rafforzamento della sicurezza ai confini, con severe limitazioni legate all'immigrazione illegale). Vari sforzi bipartisan per uscire dall'impasse sono risultati infruttuosi. 

Usando Yahoo accetti che Yahoo e i suoi partners utilizzino cookies per fini di personalizzazione e altre finalità