Usa-Cina, telefonata tra Blinken e Wang Yi in vista G20

Image from askanews web site
Image from askanews web site

Roma, 31 ott. (askanews) - Il segretario di Stato Usa Antony Blinken e il ministro degli Esteri cinese Wang Yi hanno avuto oggi una conversazione telefonica, la prima dopo la fine del XX Congresso del Partito comunista cinese. Il capo della diplomazia di Pechino, tra l'altro, è stato promosso all'interno del Politburo, l'organo decisionale del Pcc, al congresso e avrà un ruolo ancor più importante come responsabile della politica estera di Pechino per il prossimo quinquennio,

La telefonata viene due settimane prima del G20 che è convocato a Bali, in Indonesia. Sia il presidente Usa Joe Biden che il presidente cinese Xi Jinping sono previsti come partecipanti al vertice e un possibile incontro tra loro due faccia-a-faccia non è escluso.

"(...) abbiamo parlato dei nostri sforzi per gestire in maniera responsabile la competizione trai nostri paesi, della guerra russa contro l'Ucraina e del sostegno per Haiti", ha scritto Blinken sul suo profilo Twitter dopo la conversazione.

Wang la scorsa settimana ha anche avuto un incotnro con l'ambasciatore statunitense a Pechino Nicholas Burns e in quella occasione ha affermato che nessuno dei due paesi potrebbe essere in grado di "cambiare l'altro".

Si tratta di segnali di disgelo tra le due potenze, dopo che i rapporti si sonoulteriormente raffreddati in questo 2022, dopo che la Cina non ha condannato l'invasione russa dell'Ucraina e gli Usa hanno avuto un approccio piuttosto attivo sulla questione di Taiwan, culminato con la visita in agosto della speaker della Camera dei rappresentanti Usa Nancy Pelosi nell'isola che Pechino considera parte integrante del suo territorio sovrano.

La nuova strategia nazionale di sicurezza Usa, tra l'altro, indica la Cina come "la più consequenziale sfida geopolitica" per gli Stati uniti, che agiscono anche sulla leva commerciale ponendo limiti e restrizioni agli scambi in settori chiave come quello dei prodotti hi-tech.