Usa, costituzionalista Turley contro impeachment di Trump

A24/Pca

New York, 4 dic. (askanews) - "Se la Camera voterà l'impeachment solo sulla base delle accuse riguardanti l'Ucraina, sarà l'impeachment con le prove più deboli e il campo più limitato mai applicato per mettere in stato d'accusa un presidente. Questo non preannuncia nulla di buono per i futuri presidenti". È quanto dirà Jonathan Turley della George Washington University Law School, uno dei quattro costituzionalisti che interverranno oggi davanti alla commissione Giustizia della Camera statunitense.

Secondo il discorso preparato per l'audizione, il cui testo è già stato diffuso, Turley - unico dei quattro costituzionalisti a essere stato invitato dai repubblicani - dirà che "la mia unica preoccupazione è l'integrità e la coerenza degli standard costituzionali e del processo di impeachment. Il presidente Trump non sarà il nostro ultimo presidente e quello che lasceremo di questo scandalo influenzerà la nostra democrazia per le generazioni a venire". Turley, chiamato a testimoniare anche per l'impeachment di Bill Clinton, sottolineerà di non aver votato per Trump e di aver votato, in passato, per i presidenti Clinton e Obama. "Le mie idee politiche e personali su Trump sono irrilevanti, come dovrebbe essere per voi".