Usa, crescita trim2 rivista in lieve rialzo

·2 minuto per la lettura
Una bandiera statunitense a Bly

WASHINGTON (Reuters) - L'economia statunitense è cresciuta un po' più velocemente di quanto si pensasse inizialmente nel secondo trimestre, portando il livello del Pil al di sopra del picco pre-pandemia, grazie ai massicci stimoli fiscali e le vaccinazioni contro il Covid-19 che hanno sostenuto la spesa.

Il Pil è aumentato a un tasso annualizzato del 6,6%, ha detto il Dipartimento del Commercio comunicando la sua seconda stima per l'economia del trimestre aprile-giugno. La lettura è stata rivista al rialzo rispetto al ritmo di espansione del 6,5% riportato a luglio.

Gli economisti intervistati da Reuters si aspettavano una crescita del Pil del 6,7% nel secondo trimestre.

L'economia è cresciuta del 6,3% nel primo trimestre e ha recuperato le forti perdite subite durante i due mesi di crisi dovuta al Covid-19.

Le revisioni al rialzo della crescita del Pil dell'ultimo trimestre riflettono un ritmo della spesa per consumi molto più robusto di quanto inizialmente stimato. Il governo ha erogato sussidi con assegni una tantum a diverse famiglie a medio e basso reddito durante il trimestre.

La Federal Reserve ha mantenuto una politica monetaria ultra accomodante, tenendo i tassi di interesse a livelli storicamente bassi e sostenendo i prezzi del mercato azionario.

La spesa per consumi, che rappresenta oltre i due terzi dell'economia statunitense, ha ricevuto una spinta anche dalle vaccinazioni, che hanno alimentato la domanda di servizi come viaggi aerei, hotel, ristoranti e intrattenimento.

Tuttavia, lo slancio sembra aver rallentato all'inizio del terzo trimestre a causa delle nuove infezioni da Covid-19 causate principalmente dalla variante Delta del coronavirus.

Il persistere di colli di bottiglia nella catena di approvvigionamento provoca carenza di beni come veicoli a motore e alcuni elettrodomestici che colpiscono le vendite al dettaglio. I dati relativi ai pagamenti con carta di credito suggeriscono che la spesa per servizi come biglietti aerei, crociere, hotel e motel stia rallentando.

I nuovi ordini per beni strumentali non legati alla difesa esclusi gli aerei, sono rimasti invariati a luglio.

(Tradotto da Alice Schillaci in redazione a Danzica, in redazione a Roma Giselda Vagnoni, alice.schillaci@thomsonreuters.com, +48587696614)

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli