Usa, dodicesima esecuzione capitale dall'inizio dell'anno

vgp

Roma, 22 ago. (askanews) - Un uomo condannato per aver stuprato e strangolato una studentessa di 19 anni, è stato giustiziato mercoledì negli Stati Uniti, portando a 12 il numero di detenuti messi a morte dall'inizio del anno. L'uomo si è sempre proclamato innocente.

Il Dipartimento per gli affari criminali del Texas ha confermato la morte di Larry Swearingen alle 18:47 nella prigione di stato di Huntsville. Secondo i resoconti dei media statunitensi, il 48enne ha affermato fino alla morte di essere innocente. I suoi avvocati hanno sottolineato che il DNA trovato sotto le unghie della vittima non era quello del loro cliente. La Corte Suprema degli Stati Uniti ha rifiutato una sospensione dell'esecuzione mercoledì notte. (Segue)