Usa e Ue decidono di collaborare su forniture chip, regole tech, commercio Cina

·1 minuto per la lettura
Il segretario di Stato Usa Antony Blinken, la segretaria al Commercio degli Stati Uniti Gina Raimondo, la rappresentante per il commercio degli Stati Uniti Katherine Tai, il commissario europeo per il Commercio Valdis Dombrovskis e la commissaria europea per la Concorrenza Margrethe Vestager durante il Trade and Technology Council (Ttc)

PITTSBURGH/WASHINGTON (Reuters) - Gli Stati Uniti e l'Unione europea hanno deciso ieri di approfondire la cooperazione transatlantica per rafforzare le catene di approvvigionamento dei semiconduttori, contrastare le pratiche commerciali "non di mercato" della Cina e adottare un approccio più unificato per regolamentare le grandi aziende tecnologiche globali.

All'inaugurazione di un nuovo forum che prende il nome Trade and Technology Council (Ttc) Usa-Ue, funzionari governativi dei due continenti si sono anche impegnati a collaborare per vagliare gli investimenti sul controllo delle esportazioni nel caso di tecnologie sensibili a duplice uso e per lo sviluppo dell'intelligenza artificiale.

La nota non nomina la Cina, ma recita: "Restiamo uniti nel tentativo di continuare a proteggere le nostre attività, i consumatori e i lavoratori da pratiche commerciali scorrette, in particolare da quelle imposte da economie non di mercato, che minacciano il sistema degli scambi globale".

L'amministrazione Biden ha mantenuto i dazi imposti dall'ex presidente Donald Trump, ma ha cercato di differenziarsi collaborando maggiormente con gli alleati nell'approccio alla Cina.

Gli incontri sono stati condotti dal segretario di Stato Usa Antony Blinken, dalla segretaria al Commercio degli Stati Uniti Gina Raimondo, la rappresentante per il commercio degli Stati Uniti Katherine Tai, dal commissario europeo per il Commercio Valdis Dombrovskis e dalla commissaria europea per la Concorrenza Margrethe Vestager.

(Tradotto in redazione a Danzica da Michela Piersimoni, in redazione a Milano Sabina Suzzi, michela.piersimoni@thomsonreuters.com, +48 587696616)

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli