Usa, Fauci e il lancio di baseball che ha fatto ingelosire Trump

Bea
·1 minuto per la lettura

Roma, 28 lug. (askanews) - Il presidente Usa Donald Trump ha colto di sorpresa i suoi collaboratori alla Casa Bianca e la squadra di baseball dei New York Yankees quando la scorsa settimana ha annunciato nel mezzo di un briefing sul coronavirus che aveva accolto l'invito della squadra di lanciare la prima, simbolica, palla della partita in programma il 15 agosto. Trump domenica ha poi fatto marcia indietro, dicendo che non avrebbe potuto essere allo stadio a New York quel giorno a causa nel "forte impegno sul virus cinese, con incontri sui vaccini, la nostra economia e molto altro". Ieri il New York Times ha scritto che la Casa Bianca ha informato gli Yankees che il presidente aveva altri impegni il 15 agosto, mentre il Washington Post ha sentito altre fonti della Casa Bianca, che hanno confermato che non c'era nessun viaggio a New York in programma il 15 agosto. Ora però i media americani, mai teneri con il presidente, danno una spiegazione piuttosto impietosa dell'annuncio a sorpresa del presidente e della marcia indietro successiva. (Segue)