Usa: Ghislaine Maxwell condannata a 20 anni per crimini sessuali

Usa: Ghislaine Maxwell condannata a 20 anni per crimini sessuali.
Secondo i giudici ha aiutato l'ex compagno Jeffrey Epstein a reclutare e violentare giovani donne.

Una giuria di New York ha ritenuta colpevole l'ereditiera britannica di aver adescato e manipolato minorenni perchè fossero sessualmente abusate da Epstein, suicidatosi in cella mentre attendeva un processo per la stessa vicenda.

L'accusa aveva chiesto una pena tra 30 e 55 anni, la difesa aveva invece invocato una condanna più lieve, invocando l'infanzia della donna, traumatizzata dal padre, ex magnate dell'editoria ed ex deputato britannico.

"È il più grande rammarico della mia vita aver conosciuto Jeffrey Epstein" ha detto l'ex socialite Maxwell prima della lettura della sentenza. La donna ha definito il suo ex compagno come un "uomo manipolativo, furbo e padrone di sé" che ha ingannato tutti nella sua orbita, e si è detta "dispiaciuta" per il dolore che le sue vittime hanno subito.

Alla lettura della sentenza erano presenti anche Annie Farmer e una donna nota come "Kate', due delle quattro accusatrici al processo. Sono state loro a inchiodare Maxwell con testimonianze coraggiose e strazianti che hanno convinto la giuria.

Finisce così, almeno per ora, uno dei processi che ha fatto più scalpore in America e nel mondo, in particolare nel Regno Unito, altro Paese dove la donna vantava amicizie altolocate. L'intera vicenda, dall'arresto del finanziere a quello della sua ex fidanzata, aveva fatto tremare il mondo del jet set tra le due sponde dell'Atlantico: nel giro della coppia c'erano personaggi come Bill Clinton, Bill Gates, Donald Trump e il principe Andrea, che ha pagato un indennizzo milionario per chiudere la causa per molestie intentatagli da Virginia Giuffre, una delle "prede" di Maxwell.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli