Usa: Giuliani trattava per essere pagato da procuratore ucraino

A24/Pca

New York, 27 nov. (askanews) - All'inizio dell'anno, Rudy Giuliani, avvocato personale del presidente statunitense Donald Trump, avrebbe negoziato un accordo da 200mila dollari per rappresentare l'allora procuratore generale ucraino, Yuri Lutsenko, nello stesso periodo in cui l'ex sindaco di New York lavorava con lo stesso procuratore per far emergere delle notizie dannose per la reputazione dell'ex vicepresidente Joe Biden. Lo scrive il Washington Post, citando fonti a conoscenza delle trattative.

L'accordo non sarebbe poi stato concluso, anche se le trattative arrivarono a una fase avanzata, testimoniata dalla stesura di diverse bozze. Il quotidiano ha scritto che non risulterebbero pagamenti a Giuliani da Lutsenko o altri funzionari ucraini. Per Lutskenko, l'accordo avrebbe rappresentato l'apertura di un canale preferenziale con l'amministrazione statunitense.

(segue)