Usa, il marito di Nancy Pelosi aggredito in casa con un martello: operato d’urgenza

marito Nancy pelosi aggredito
marito Nancy pelosi aggredito

Paul Pelosi, marito della speaker della Camera degli Stati Uniti d’America, Nancy Pelosi, è stato aggredito da un uomo che si è furtivamente introdotto all’interno dell’abitazione della coppia a San Francisco. La speaker non era in casa al momento dell’attacco. L’uomo, invece, è stato operato d’urgenza a seguito dell’aggressione.

Usa, il marito di Nancy Pelosi aggredito in casa con un martello: operato d’urgenza

È stato assalito nella sua casa di San Francisco Paul Pelosi, marito della speaker della Camera degli Stati Uniti Nancy Pelosi. Sulla base delle informazioni sinora diffuse, un uomo si è intrufolato nell’abitazione della coppia e colpito l’uomo con un martello. Pelosi è stato prontamente soccorso e trasportato in ospedale dove ha subito un intervento chirurgico. A riferirlo è stata la CNN che ha citato alcune fonti. Pare che il marito della speaker dovrebbe recuperare al 100%.

L’aggressore è stato arrestato dalla polizia ed è stato identificato come David Depape, 42 anni. Intanto, come segnalato dal portavoce della speaker Drew Hammil, le forze dell’ordine stanno indagando sul movente dell’attacco e ha precisato che Paul Pelosi è stato colpito con un martello. Al momento, si trova in ospedale e “sta ricevendo un’eccellente assistenza medica e dovrebbe riprendersi completamente”.

Dinamiche dell’aggressione. Per la CNN, non si tratta di un attacco casuale

Secondo la CNN, l’uomo che ha fatto nella casa di San Francisco avrebbe chiesto “dov’è Nancy?” prima di colpire il marito della speaker. L’aggressore, poi, avrebbe legato Paul e avrebbe detto: “Ora aspettiamo Nancy”. Per l’emittente, quindi, l’attacco non sarebbe stato casuale.

Nelle indagini, è stato coinvolto l’FBI. Inoltre, è stato rivelato che Dapape sarebbe entrato in casa dalla porta sul resto intorno alle 02:27 del mattino, armato di coltello.

Dall’analisi dei social del 42enne, è emersa la condivisione di svariate teorie della cospirazione che spaziano dal Covid alla commissione d’inchiesta sull’assalto al Congresso del 6 gennaio fino alle elezioni del 2020.

In seguito all’accaduto, il presidente americano Joe Biden ha sentito la speaker della Camera per esprimere il suo “sostegno dopo l’orribile attacco” di cui è stato vittima il marito. Lo ha detto la portavoce della Casa Bianca Karine Jean-Pierre.