Usa incriminano due manager Fca Italia in scandalo emissioni diesel

·1 minuto per la lettura
Un cartello di Fiat Chrysler Automobiles (FCA) presso la sede degli Stati Uniti ad Auburn Hills, Michigan

WASHINGTON (Reuters) -Il dipartimento di Giustizia degli Stati Uniti ha reso noto che due manager senior di Fiat Chrysler in Italia sono stati incriminati nell'ambito dell'inchiesta sulla manomissione delle emissioni diesel da parte della casa automobilistica italo-americana.

L'azienda, che ora fa parte del gruppo Stellantis, aveva accettato nel 2019 una transazione da 800 milioni di dollari per chiudere una causa civile legata al presunto impiego di software illegale che produce risultati falsati nei test per le emissioni diesel su oltre 100.000 veicoli. L'indagine penale del dipartimento di Giustizia Usa è ancora in corso.

(Tradotto in redazione a Danzica da Michela Piersimoni, in redazione a Roma Francesca Piscioneri, michela.piersimoni@thomsonreuters.com, +48 587696616)