Usa-Iran, il Presidente sanziona la Guida Suprema: nel mirino l'impero miliardario di Ali Khamenei

Umberto De Giovannangeli

Il Presidente contro l’Ayatollah. Donald Trump contro la Guida suprema della Repubblica islamica dell’Iran, l’ayatollah Ali Khamenei. Le nuove sanzioni mirano direttamente l’uomo che a Washington ritengono il vero detentore del potere a Teheran. Lo annuncia lo stesso presidente americano. “Teheran - aggiunge Trump - deve smetterla di sponsorizzare il terrorismo”. “Gli Stati Uniti non permetteranno all’Iran di ottenere armi nucleari”, ha ancora una volta sottolineato il tycoon di Washington. Nel firmare il decreto con cui impone le nuove sanzioni all’ Iran, il presidente Usa ha affermato che Khamenei è responsabile per la condotta ostile del Paese.  “Ci piacerebbe essere in grado di siglare”, un accordo con l’ Iran, ha proseguito Trump, sottolineando che però Teheran non vuole un’intesa.

L’ Iran, come la Corea del Nord, ha un grande potenziale, ha concluso The Donald. Le sanzioni mirano a negare l’accesso alle istituzioni finanziare internazionali alla Guida suprema della Repubblica islamica e a suoi stretti collaboratori. L’ordine esecutivo di Trump - che bloccherebbe “miliardi di dollari” in beni iraniani - è stato preso prima che Teheran abbattesse un drone americana nel Golfo, l’altra settimana, ha affermato il segretario al Tesoro Steve Mnuchin, aggiungendo che nuove sanzioni “mirate” riguarderanno anche il ministro degli Esteri iraniano, Javad Zarif. È la prima volta che Khamenei viene direttamente colpito da sanzioni americane. La Guida Suprema controlla direttamente la Setad, una fondazione con 95 miliardi di dollari di asset presente in tutti i comparti dell’economia.  Doveva rimanere in vita solo un paio d’anni ma nel corso del tempo si è trasformata in un colosso immobiliare – 52 miliardi di asset – che ha acquistato partecipazioni in decine di aziende in quasi tutti i settori: finanza, petrolio, telecomunicazioni, dalla produzione di pillole anticoncezionali all’allevamento degli struzzi. Tra...

Continua a leggere su HuffPost