Usa-Iran, la guerra possibile passa anche per Aviano. Trump dispiegherà gli F35 in Italia

Umberto De Giovannangeli

Attenzione, allarme rosso. Ogni mossa, ogni decisione assunte in queste settimane, in queste ore, dai falchi di Washington vanno nella stessa direzione: fare dell’Iran 2019, l’”Iraq 2003”. Una guerra che non ha come motivazione vera il nucleare iraniano e neanche il contenimento della penetrazione della mezzaluna sciita in Medio Oriente, sulla direttrice Damasco-Baghdad-Beirut. Sedici anni dopo l’Iraq, l’obiettivo strategico degli Usa è quello di abbattere un regime diventato “scomodo”. Scomodo per Washington come per i suoi più stretti alleati in Medio Oriente: l’Arabia Saudita e Israele. E questa possibile guerra può vedere coinvolta l’Italia.

L’allarme è stato lanciato dalla stampa internazionale: Trump dispiegherà in Italia gli F35 nella base di Aviano. Il silenzio di Roma è inquietante. Forse legato al voto di domani, ma che lascia aperti pesanti interrogativi, visto che analisti di provata esperienza in vicende geopolitiche e militari, concordano nel ritenere che il dispiegamento di F35 in Italia può essere legato all’escalation della crisi con l’Iran.

“Misure che faranno aumentare le tensioni nella regione del Golfo Persico”: così il ministro degli Esteri iraniano Mohammad Javad Zarif ha definito oggi l’invio di altri 1.500 soldati americani in Medio Oriente, annunciato ieri dal presidente Donald Trump in seguito a presunte “minacce” iraniane denunciate da membri della sua amministrazione. Il presidente Usa ha approvato l’invio di nuove truppe, dopo essersi riunito giovedì con il suo team di sicurezza nazionale, incluso il Segretario della Difesa, Patrick Shanahan. Il capo del Pentagono ha parlato di un mezzo per “migliorare la protezione e la sicurezza delle forze americane, tenuto conto delle minacce persistenti dell’Iran, compresi i Guardiani della rivoluzione e i loro sostenitori. Lo schieramento sarà costituito da un battaglione (del sistema missilistico) Patriot; da aerei di intelligence e...

Continua a leggere su HuffPost