Usa: la cugina siciliana di Jill, 'aspetto la First Lady e le preparo le polpette al sugo'/Adnkronos (4)

·1 minuto per la lettura
Usa: la cugina siciliana di Jill, 'aspetto la First Lady e le preparo le polpette al sugo'/Adnkronos (4)
Usa: la cugina siciliana di Jill, 'aspetto la First Lady e le preparo le polpette al sugo'/Adnkronos (4)

(Messina) – A pochi passi dalla Chiesa di Sant'Antonio Abbate, a Gesso, dove ci sono i resti del trisavolo di Jill Biden, Antonino Giacoppo, c'è il museo popolare dei peloritani dove vengono conservati due documenti importanti che attestano la partenza e l'arrivo negli Usa dei Giacoppo. "Si sono imbarcati a Napoli il 19 maggio del 1900 e sono arrivati a Ellis Island dieci giorni dopo, dove regolarmente gli immigrati venivano registrati", racconta Mario Sarica, etnomusicologo, fondatore e curatore scientifico del Museo Cultura e Musica Popolare dei Peloritani. E' lui a mostrare ai giornalisti il documento, in cornice, che dimostra la partenza di Placido Giacoppo e della sua famiglia. In un altro documento c'è la registrazione negli Stati Uniti di Domenico Giacoppo, cioè il nonno paterno di Jill Jacobs. "Nationality: italian, Last place of residence: Gesso, Date of arrival: 29 may 1900, Ship of travel: Patria", si legge sul documento.

"Questo documento identificativo è una testimonianza storica di una storia di immigrazione degli abitanti di Gesso che è originale", spiega ancora Sarica. I Giacoppo andarono ad Hammonton, nel New Jersey.

Il legame tra la piccola Gesso ed Hammonton è duratura. Ogni anno Tonino Macrì organizza l'arrivo di gruppi di abitanti di Hammonton con origini ibbisote. "Quest'anno non è stato possibile a causa del Covid – dice – Ma speriamo che il prossimo anno possano tornare a Gesso. Magari insieme con la First Lady. Noi ci crediamo…". E mentre lo dice gli brillano gli occhi.