USA: la polizia uccide l'afroamericano Walter Wallace

·2 minuto per la lettura
Walter Wallace
Walter Wallace

Altre proteste violente negli Stati Uniti che, questa volta, toccano la città di Filadelfia dove la polizia ha ucciso a colpi di pistola l’afroamericano Walter Wallace.

Un altro afroamericano ucciso dalla polizia

Ancora una volta si tratta di un uomo afroamericano: il 27enne Walter Wallace è stato ucciso dalla polizia nella città americana perché in possesso di un coltello, per strada. L’uomo è stato ferito da diversi colpi di pistola partiti dai poliziotti, che gli hanno sparato perché non aveva gettato l’arma.

La morte dell’uomo ha provocato violente proteste nella città di Filadelfia, dove 30 agenti sono rimasti feriti, 10 persone arrestate e diversi negozi saccheggiati, secondo il bilancio.

La sparatoria

La sparatoria è avvenuta nella zona ovest di Filadelfia, più precisamente nel quartiere di Cobbs Creek, a maggioranza afroamericana. Tanya Little, portavoce della polizia, fornisce la sua versione dei fatti: gli agenti sono giunti a seguito di una segnalazione di una persona con un’arma; una volta arrivati avrebbero ordinato all’uomo di deporre il coltello, ma lui invece « è avanzato » verso di loro e a quel punto entrambi gli agenti hanno sparato « diverse volte ». Fortunatamente, non sono rimasti feriti né poliziotti né passanti.

Il padre della vittima, Walter Wallace Sr., ha affermato che il figlio era in cura e aveva problemi di salute mentale.

Le proteste

Secondo l’Inquirer, decine di manifestanti intonavano lo slogan « Black lives matter ». Centinaia di persone hanno protestato a seguito dell’uccisione di Wallace, e sono andate avanti fino alle prime ore di martedì 27 ottobre durante le quali sono scoppiati scontri con la polizia.