Usa, l'astrofisico: "Asteroide su Terra il giorno prima delle elezioni"

webinfo@adnkronos.com
·1 minuto per la lettura

Che per gli Usa (e il mondo) il 2020 non fosse un anno facile si era capito, così come si era capito che le elezioni del 3 novembre saranno probabilmente ricordate come le più rissose e controverse della storia recente. A complicare il quadro, ora, arriva la notizia che il giorno prima dell'Election Day un asteroide potrebbe colpire la Terra. A lanciare l'allarme è l'astrofisico e divulgatore Neil deGrasse Tyson, autentica celebrità televisiva, secondo il quale l'asteroide 2018VP1, grande più o meno quanto un frigorifero e diretto verso la Terra a una velocità di 40mila chilometri all'ora, potrebbe impattare contro il nostro Pianeta proprio il 2 novembre.

GUARDA ANCHE: Asteroide sfiora la Terra

Ma non c'è da preoccuparsi, ha scritto deGrasse Tyson su Instagram, perché l'asteoride "non è abbastanza grande da provocare danni". Quindi, ha aggiunto, "se il mondo finirà nel 2020, non sarà per colpa dell'Universo".

La Nasa aveva già in precedenza identificato l'asteroide, ma aveva assicurato che le probabilità che colpisca la Terra sono inferiori all'1%. "Al momento ha lo 0,41% di probabilità di entrare nella nostra atmosfera, ma se lo facesse si disintegrerebbe, a causa delle sue dimensioni ridotte", aveva affermato l'agenzia spaziale Usa.