Usa: a luglio inflazione sale al 4,2%, il massimo dal 1991

·1 minuto per la lettura
default featured image 3 1200x900
default featured image 3 1200x900

Roma, 27 ago.- (Adnkronos) – Nuovo aumento a luglio del tasso di inflazione negli Stati Uniti, salito su base annua al 4,3% dal 4% di giugno, un valore che rappresenta il livello più alto dal 1991. Il dato riguarda l'indice Pce (Personal consumption expenditures price index), cresciuto dello 0,3% rispetto al mese precedente, mentre il Pce Core, che non considera gli elementi volatili dei prezzi alimentari ed energetici, è aumentato su giugno dello 0,3% e resta al 3,6% annuo.

Il dato appena diffuso dal Bureau of Economic Analysis sembra destinato ad accrescere le perplessità sulla convinzione della Federal Reserve su un possibile ritorno al 2% con la normalizzazione della situazione. Fino ad oggi i mercati obbligazionari non hanno registrato forti incrementi, 'sposando' la fiducia della Fed ma il quinto aumento mensile consecutivo potrebbe erodere questa convinzione, aprendo la porta a una inversione anche per Wall Street.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli