Usa, occupazione significativamente bassa, attività esitano ad assumere - Fed

·2 minuto per la lettura
Un uomo davanti al logo della Federal Reserve a Washington

di Jonnelle Marte

(Reuters) - L'economia statunitense sta rimbalzando rapidamente dal calo dello scorso anno, ma è assolutamente necessario migliorare il mercato del lavoro, secondo le dichiarazioni di due funzionari della Federal Reserve.

La crescita economica statunitense è "tornata ruggente" e alcuni dati sul consumo, sul mercato immobiliare e sul settore manifatturiero sono ora "estremamente solidi", ha detto Patrick Harker, presidente della Federal Reserve di Philadelphia, durante un evento virtuale nell'ambito dell'Official Monetary and Financial Institutions Forum.

"Anche se il Pil ha quasi completamente recuperato le perdite dello scorso anno, l'occupazione rimane significativamente bassa", ha detto Harker.

Anche se alcuni lavoratori hanno notato un aumento dei loro salari, ci sono ancora circa 7,6 milioni di impiegati in meno rispetto ai livelli precedenti alla pandemia, ha aggiunto. La voragine dell'occupazione cresce a 10,6 milioni di posti di lavoro, calcolando anche la crescita dell'occupazione in atto prima della pandemia, quando l'economia aggiungeva circa 200.000 posti di lavoro al mese, secondo Harker.

Raphael Bostic, presidente della Fed di Atlanta, parlando allo stesso evento, ha aggiunto che molti business leader esitano ad assumere nuovi impiegati, data l'incertezza intorno ai livelli della domanda una volta che l'economia si stabilizzerà.

Tuttavia, Bostic ha detto che è troppo presto per sapere se la domanda per i lavoratori resterà bassa mentre l'economia continua a crescere.

Entrambi i funzionari della Fed hanno affermato che il Congresso Usa deve investire nelle infrastrutture, espandendo anche l'accesso all'internet a banda larga, per assicurare che l'economia sia più equa. Hanno anche aggiunto che alcuni lavoratori necessitano di sostegno per passare a impieghi meglio pagati che non richiedono una formazione universitaria.

"Abbiamo davvero bisogno di un'economia che funzioni per tutti", ha detto Bostic.

La scorsa settimana i funzionari della Fed hanno concordato di lasciare i tassi d'interesse vicini allo zero e di continuare ad acquistare bond da 120 miliardi di dollari al mese. Tuttavia, i funzionari della banca centrale hanno anche anticipato le loro proiezioni per il prossimo aumento dei tassi d'interesse da parte della Fed, con 13 funzionari su 18 che hanno previsto un "decollo" dei costi di finanziamento nel 2023.

Bostic ha aggiunto di ritenere che la Fed dovrà iniziare ad alzare i tassi d'interesse nel 2022, una scadenza più aggressiva rispetto alle proposte della maggioranza dei suoi colleghi.

(Tradotto a Danzica da Enrico Sciacovelli, in Redazione a Roma Francesca Piscioneri)

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli