Usa, posizioni lavorative aperte a massimi storici ad aprile

·1 minuto per la lettura
L'ingresso degli uffici del Dipartimento del Lavoro dello stato di New York

WASHINGTON (Reuters) - Le posizioni lavorative aperte negli Usa sono salite di quasi un milione a un nuovo massimo ad aprile, mentre aumentano le persone che abbandonano volontariamente il proprio posto di lavoro, corroborando l'opinione di quanti ritengono che il recente rallentamento nella crescita dei posti di lavoro sia dovuto a una scarsità dell'offerta.

Le posizioni aperte, un indicatore della domanda di lavoro, sono aumentate di 998.000 unità a 9,3 milioni all'ultimo giorno di aprile, il massimo da quando si misura l'indicatore ossia da dicembre 2000, secondo il sondaggio stilato su base mensile dal dipartimento del Lavoro e noto anche come Jolts.

Le assunzioni sono variate di poco, a 6,1 milioni ad aprile dai 6 di marzo.

Il governo ha reso noto venerdì scorso che la crescita dei posti di lavoro è aumentata a maggio, con gli imprenditori che hanno offerto salari più alti, ma il ritmo delle assunzioni è stato al di sotto delle aspettative degli economisti per il secondo mese di fila.

(Tradotto da Luca Fratangelo in redazione a Danzica, in redazione a Milano Gianluca Semeraro)

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli