Usa pronti a inviare truppe in Libano, anche dall'Italia

Cam

Roma, 3 gen. (askanews) - Il Pentagono sta dispiegando circa 3.500 truppe in più in Medio Oriente in risposta alle crescenti tensioni nella regione con l'Iran e un giorno dopo l'attacco aereo statunitense che ha ucciso a Baghdad il generale Qassem Soleimani. Lo scrive l'emittente statunitense Abc News, riportando come fonte un alto funzionario della Difesa. L'alto funzionario ha aggiunto che elementi del 173° Airborne Brigade Combat Team di stanza a Vicenza, sono stati anche messi in stato di allerta nella possibiltà di un dispiegamento in Medio Oriente, se necessario. È probabile che quelle forze, che potrebbero variare da 100 a 750 in numero, vadano a proteggere l'ambasciata degli Stati Uniti a Beirut, in Libano.

Il Libano, oltre all'Iraq e alla Siria, erano località che Soleimani aveva recentemente visitato e dove stava pianificando attacchi contro gli interessi degli Stati Uniti, ha precisato la fonte.