Usa, richieste sussidi disoccupazione a nuovi minimi di 19 mesi

·1 minuto per la lettura
Una bandiera statunitense a Bly

WASHINGTON (Reuters) - Il numero di cittadini statunitensi che hanno presentato nuove richieste di sussidi di disoccupazione è calato a un nuovo minimo di 19 mesi la scorsa settimana.

Il dato è un segnale che l'economia sta riguadagnando slancio nel quadro di un significativo miglioramento della salute pubblica, malgrado persistano problemi di scorte.

Le nuove richieste di sussidi di disoccupazione sono calate di 14.000 unità a un totale destagionalizzato di 269.000 per la settimana conclusa il 30 ottobre, secondo quanto reso noto oggi dal dipartimento del Lavoro.

Si tratta del dato più basso da marzo 2020, quando ebbero inizio le misure di lockdown introdotte per contrastare la prima ondata di casi di Covid-19. Le richieste di sussidi di disoccupazione sono diminuite per cinque settimane consecutive.

L'ondata estiva di contagi, causata dalla diffusione della variante Delta, è in calo, incoraggiando un numero crescente di americani a viaggiare, mangiare fuori casa e frequentare strutture sportive, tra le attività che erano state soggette a restrizioni a causa dell'aumento dei casi.

La variante Delta e la carenza di beni hanno contribuito a contenere la crescita economica, tenendola ai minimi di un anno lo scorso trimestre.

Le richieste, che sono ben sotto il record di 6,15 milioni di aprile 2020, sono ora rientrate in un range che è ritenuto coerente con un mercato del lavoro in salute.

(Tradotto da Luca Fratangelo in redazione a Danzica, in redazione a Milano Gianluca Semeraro, luca.fratangelo@thomsonreuters.com, +48587696613)

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli