Usa, societ tech contro Trump su blocco visti per stranieri

A24/Pca

New York, 23 giu. (askanews) - Tutte le maggiori societ tech statunitensi hanno reagito velocemente e negativamente alla decisione del presidente statunitense, Donald Trump, di imporre fino alla fine dell'anno il divieto di ingresso nel Paese con una serie di visti per lavoratori stranieri, per proteggere il mercato del lavoro interno, colpito dalla crisi provocata dal coronavirus. Tra i tanti commenti negativi, si registrano quelli di Amazon, Google, Facebook, Intel e Apple.

L'amministrazione Trump ha bloccato i visti H-1B, H-2B, H-4, J-1, L-1 e L-2. Nel caso delle societ tech, criticato lo stop ai visti H-1B, quelli per i lavoratori stranieri altamente specializzati; lo stop ai visti L impedir il trasferimento dei lavoratori e dei manager delle multinazionali negli uffici statunitensi, quello J-1 bloccher l'arrivo di professori e ricercatori; senza l'H-4, i coniugi e i figli delle persone che si trovano negli Stati Uniti con un H-1B non potranno entrare e risiedere nel Paese; senza l'H-2B non potranno entrare i lavoratori stranieri dei settori non agricoli. La proclamazione presidenziale estende a nuove categorie di immigrati il divieto che alla fine di aprile era stato imposto per 60 giorni. (segue)