Usa, Trump e O'Rourke si sfidano sull'immigrazione a El Paso

A24/Pca

New York, 11 feb. (askanews) - Donald Trump e Beto O'Rourke, il muro al confine e la celebrazione dell'immigrazione. Per un giorno, El Paso sarà al centro della politica statunitense: il presidente terrà il suo primo comizio dell'anno a pochi passi dal confine con il Messico, nella città del potenziale rivale alle presidenziali del 2020, che parteciperà a una contromanifestazione.

Alle 19 (le 3 di domani mattina in Italia), Trump parlerà dal Coliseum di El Paso, in Texas, della necessità di aumentare la sicurezza al confine e di costruire nuove barriere, proprio quando i negoziati tra repubblicani e democratici sembrano essere naufragati e si avvicina un secondo shutdown (ovvero una parziale chiusura del governo federale) in due mesi.

"Accoglieremo il presidente in una delle città più sicure degli Stati Uniti, sicura non grazie ai muri e non malgrado il fatto che siamo una città di immigrati" ha scritto O'Rourke su Twitter. L'ex deputato, quasi riuscito nell'impresa impossibile di battere il repubblicano Ted Cruz per un posto in Senato alle recenti elezioni di metà mandato, parteciperà a una marcia di un miglio per celebrare l'immigrazione, che si concluderà al Chalio Acosta Sports Center - a pochi metri dal Coliseum - dove il suo intervento sarà in contemporanea a quello di Trump. (segue)