Usa, Trump: fini politici procuratore New York su mia Fondazione

Afe

Roma, 8 nov. (askanews) - Il procuratore generale di New York ha agito "a fini politici" nella sua azione con cui ha chiesto che Donald Trump versi 2 milioni di dollari a un gruppo di organizzazioni nonprofit per uso improprio della sua fondazione, ora chiusa. Lo afferma in una dichiarazione lo stesso presidente Usa.

Trump rivendica di essere "l'unica persona che conosco, forse l'unica persona nella storia" a poter donare in beneficenza 19 milioni di dollari, "senza addebitare spese".

"Ogni centesimo dei 19 milioni raccolti dalla Trump Foundation - assicuta - è andato a centinaia di grandi cause benefiche senza quasi nessuna spesa" e il procuratore generale di New York sta "deliberatamente stravolgendo" questo fatto "a fini politici". "In effetti - accusa - il tribunale ha respinto la frivola richiesta del procuratore generale per sanzioni legali, interessi e altri danni".

Trump conclude dicendosi "felice" di donare 2 milioni di dollari ad associazioni nonprofit, come prescrive l'accordo con il tribunale di New York.