Usa, United Airlines licenzia quasi 600 dipendenti: "Non si erano vaccinati"

·1 minuto per la lettura
(AP Photo/David Zalubowski, file)
(AP Photo/David Zalubowski, file)

La compagnia aerea statunitense United Airlines ha fatto sapere che licenzierà 593 dipendenti che non si sono vaccinati contro il Covid-19, violando quindi l'obbligo vaccinale previsto dalla policy aziendale (è stato il presidente Joe Biden, lo scorso 9 settembre, ad annunciare le aziende con più di 100 dipendenti avrebbero dovuto richiedere la vaccinazione).

VIDEO - Covid. Delta Air Lines contro i no vax, cosa succede a chi non si vaccina

"Una decisione incredibilmente difficile, ma mantenere la nostra squadra al sicuro è sempre stata la nostra priorità", ha affermato la dirigenza. Da quando l'obbligo di vaccinazione è in vigore all'interno della compagnia, solo il 3% dei circa 67 mila dipendenti ha richiesto un'esenzione per motivi medici o religiosi. Ma per quei 593 lavoratori che non hanno fornito alcuna motivazione, l'azienda avvierà un processo di licenziamento secondo una procedura negoziata con i sindacati

Inizialmente, si legge su Rai News, United Airlines aveva pianificato di collocare i dipendenti a cui era stata concessa un'esenzione in congedo non retribuito. Ma essendo in corso una procedura legale avviata dai dipendenti ai quali è stata negata l'esenzione, queste persone resteranno per il momento in azienda fino al 15 ottobre in attesa di una decisione.  

VIDEO - J-Ax contro le minacce dei No-Vax: «I negazionisti sono solo dei privilegiati»

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli