Utenti scatenati dopo le ore concitate a Palazzo Madama con cui l’esecutivo è arrivato al capolinea

Uno dei meme più riusciti sulla crisi di governo
Uno dei meme più riusciti sulla crisi di governo

L’ironia social sulla crisi del governo di Mario Draghi ed i meme diventati virali sono di certo un argomento più “light” di quanto la delicatezza del momento non lasci intuire, ma la caratteristica degli italiani di giocare anche nei momenti di sventura è sempre stata una delle poche cose buone ed uniche che il nostro popolo ha dalla sua, perciò gli utenti si sono scatenati dopo le ore concitate a Palazzo Madama con cui l’esecutivo è arrivato al capolinea. E i meme sono stati tanti e condivisi da migliaia di persone.

Crisi di governo e meme diventati virali

Si va da Russel Crowe che con il Senato di sfondo rievoca i fasti passati di quando al Colosseo interpretava il Gladiatore ad un Sergio Mattarella “cucinato” in tutte le salse meme possibili. Qauli? In veste di Godzilla quirinalizio che con raggi laser che gli partono dagli occhi incenerisce l’aula di Palazzo Madama a quello austero che parla in mood istituzionale ma scandendo un minaccioso “vi creperei di mazzate”.

Da Mattarella al ministro Di Maio

E che dire del ministro degli Esteri Luigi Di Maio? Lui, che in un certo senso della crisi rappresenta il totem vivente almeno da un punto di vista degli step temporali di “rottura”, è ritratto nelle fogge più varie. Da quella con lo sguardo adorante di quanto contemplava il suo ex leader Giuseppe Conte a quella non dissimile in cui sguardo è posato sul premier uscente Mario Draghi. Il tutto fino alle ironie social in cui riesumando il suo strafalcione sulla pronuncia inglese della parola “virus” da lui definito “vairus” qualcuno ha scritto che “Di Maio è pronto ad abbandonare la Farnesaina”.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli