Utilitalia: usiamo solo il 5% dei 9 mld di m3 di acque depurate

Image from askanews web site
Image from askanews web site

Milano, 11 lug. (askanews) - Il riuso delle acque reflue depurate in agricoltura rappresenta una soluzione per fronteggiare periodi particolarmente siccitosi come quello che stiamo attraversando, che dovrebbe diventare strutturale applicando all'acqua gli stessi principi dell'economia circolare. Si tratta di un potenziale enorme (9 miliardi di metri cubi all'anno) che in Italia viene sfruttato solo per il 5% (475 milioni di metri cubi). Oltretutto il regolamento europeo 2020/741 prevede il riuso delle acque da parte degli Stati membri a partire dal giugno del 2023, e quindi l'Italia deve adeguare velocemente la normativa di riferimento risalente al 2003 per incentivare questa pratica. Lo sostiene in una nota la Federazione delle imprese idriche, ambientali ed energetiche (Utilitalia), che ha presentato oggi a Napoli l'indagine "Il riutilizzo delle acque reflue in Italia" nel corso del convegno "Climate change e servizio idrico: la sfida del Pnrr per un sistema efficiente e resiliente", organizzato dalla Federazione in collaborazione con l'Università degli Studi Federico II e con l'Associazione idrotecnica italiana.

Dal campione analizzato da Utilitalia (equivalente a circa 21 milioni di abitanti serviti) è emerso che sono già esistenti e funzionanti 79 impianti per la produzione di acque di riuso con una potenzialità complessiva pari a 1,3 milioni di metri cubi al giorno (475 milioni di metri cubi in un anno). Di contro, l'uso diretto per l'irrigazione attraverso reti dedicate è ancora piuttosto scarso: di questi 79 impianti, solo 16 sono dotati di una specifica rete di trasporto e distribuzione dell'acqua affinata. L'utilizzo agricolo indiretto, quello che si avvale per lo più di preesistenti canali irrigui, rimane la pratica più diffusa. Oltretutto sono 23 le installazioni per le quali non è ancora definita una specifica utilizzazione finale, a dimostrazione delle incertezze e dei dubbi che ancora sono presenti a livello di utilizzatori finali potenziali.

Altri 24 impianti sono programmati (dovrebbero essere tutti ultimati entro i prossimi 5 anni) e su ulteriori 40 sono in corso studi di fattibilità. In un arco di breve-medio periodo, è dunque legittimo attendersi quasi un raddoppio (da 79 a 143) delle installazioni operative. Se si considera inoltre che in Italia sono attivi 18.140 impianti di depurazione, di cui 7.781 dotati di un trattamento secondario/avanzato che si potrebbero potenziare per renderli idonei alla produzione di acqua affinata per il riuso, si comprende che il potenziale sviluppo di questo settore è enorme.

(segue)

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli