Uzbekistan, forum internazionale “Dialogue of Declarations”

Image from askanews web site
Image from askanews web site

Roma, 14 giu. (askanews) - Il 16-20 maggio 2022 si è tenuto nelle città di Tashkent, Samarcanda e Bukhara (Uzbekistan) il forum internazionale "Dialogue of Declarations".

L'evento fa parte degli sforzi dell'Uzbekistan per mettere in pratica i principi e le disposizioni sanciti dalla risoluzione speciale dell'Assemblea generale delle Nazioni Unite "Illuminismo e tolleranza religiosa", adottata nel 2018 su iniziativa del presidente dell'Uzbekistan Shavkat Mirziyoyev, e serve anche per raggiungere gli obiettivi della Strategia nazionale dell'Uzbekistan sui diritti umani approvata nel 2020.

Organizzato per la prima volta nel 2019 a Tashkent, il forum internazionale "Dialogue of Declarations" oggi è diventato un'importante piattaforma che offre alla comunità mondiale l'opportunità di conoscere il ricco patrimonio culturale, storico, religioso e filosofico del popolo uzbeko, nonché come l'esperienza politica e giuridica dell'Uzbekistan nel campo della garanzia dell'armonia interreligiosa e della tolleranza religiosa, mantenendo un'atmosfera di amicizia e comprensione reciproca nella società.

L'organizzazione di un forum internazionale è parte integrante del processo globale di unire gli sforzi della comunità mondiale per garantire la libertà di religione e rafforzare il dialogo interreligioso ed è la prova del fermo impegno dell'Uzbekistan nei confronti dei suoi obblighi internazionali nel campo dei diritti umani e libertà, e la disponibilità del Paese a promuovere attivamente gli standard generalmente riconosciuti in queste aree a livello internazionale come membro responsabile del Consiglio per i diritti umani delle Nazioni Unite, al quale la Repubblica dell'Uzbekistan è stata eletta per la prima volta nel 2020.

Il forum di cui sopra, come nel 2019, ha riunito eminenti studiosi religiosi, teologi, giuristi e funzionari provenienti da Europa, Asia, Medio Oriente, Africa e Stati Uniti. Da parte uzbeka hanno partecipato anche rappresentanti di diverse fedi, teologi, studiosi di religione e specialisti di ministeri e dipartimenti competenti.

Il forum si è concluso con un convegno tenuto a Bukhara il 19 maggio, durante il quale sono stati riassunti i risultati di seminari scientifici e pratici, uno scambio di opinioni sui temi della garanzia della libertà religiosa e interreligiosa e sono state delineate le prospettive per ulteriori interazioni.

Il principale risultato dell'incontro internazionale è stata l'adozione della Dichiarazione di Bukhara, diventata una logica continuazione e integrazione delle dichiarazioni precedentemente adottate a Marrakech (nel 2016), Jakarta (2017), Potomac (2018), Punto del Este (2018), La Mecca (2019).

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli