Uzbekistan, instaurare un dialogo costruttivo con l’Ue

Image from askanews web site
Image from askanews web site

Roma, 21 nov. (askanews) - Con l'elezione di Shavkat Mirziyoyev a capo di stato nel 2016, la politica interna ed estera dell'Uzbekistan è cambiata notevolmente: il presidente ha avviato l'attuazione di una vasta gamma di riforme su larga scala volte a modernizzare tutte le sfere della società e dello stato, che dovrebbero garantire lo sviluppo sostenibile del paese a lungo termine.

Ciò si riflette nella Strategia di Azione sulle aree prioritarie di sviluppo del Paese fino al 2021 e nella Strategia di Sviluppo fino al 2026, la cui priorità è il principio "Dalla Strategia di Azione alla Strategia di Sviluppo", come scrive Anvar Nasirov, direttore dell'International Institute for Central Asia.

Il Nuovo Uzbekistan è uno stato in via di sviluppo dinamico, il cui obiettivo principale è garantire una vita libera, ben ordinata e prospera del nostro popolo multinazionale. È uno Stato che si sviluppa in stretta conformità con norme universalmente riconosciute nel campo della democrazia, dei diritti umani e delle libertà, basate sui principi di una cooperazione paritaria e reciprocamente vantaggiosa con la comunità internazionale.

Durante il suo primo discorso alla riunione dell'Assemblea generale delle Nazioni Unite nel settembre 2017, il presidente dell'Uzbekistan Shavkat Mirziyoyev ha affermato chiaramente dalla tribuna che l'Uzbekistan definisce la regione dell'Asia centrale come la principale priorità della sua politica estera. E questa è una scelta consapevole.

Quindi ha sottolineato che: "Essendo nel cuore dell'Asia centrale, l'Uzbekistan è direttamente interessato a fare della regione una zona di stabilità, sviluppo sostenibile e buon vicinato. Un'Asia centrale pacifica ed economicamente prospera è il nostro obiettivo più importante e compito fondamentale".

Oggi possiamo dire che nella regione, dove vivono più di 70 milioni di persone, grazie agli sforzi dell'Uzbekistan, si è formata un'atmosfera politica completamente nuova, che ci ha permesso di trasformare in modo creativo il corso di sviluppo della nostra regione.

Tutto ciò è stato il risultato del ripristino del dialogo costruttivo, del rafforzamento del buon vicinato e della costruzione di partenariati reciprocamente vantaggiosi tra gli Stati dell'Asia centrale, ei cambiamenti regionali in corso hanno acquisito un carattere sistematico irreversibile.

L'Uzbekistan è determinato a consolidare gli sforzi per aumentare la cooperazione regionale in Asia centrale, nonché per approfondire le relazioni bilaterali con i paesi vicini: Kazakistan, Kirghizistan, Tagikistan e Turkmenistan, con i quali sono state stabilite relazioni di partenariato strategico, con alcuni di allenza. Questo non era mai successo nella storia.

Dal 2018 è stato avviato un meccanismo di Riunioni consultive dei capi degli Stati dell'Asia centrale, nell'ambito del quale vengono discusse le questioni più urgenti della cooperazione regionale e vengono sviluppate soluzioni reciprocamente accettabili basate sul rispetto e considerazione dei reciproci interessi. Tali dinamiche di sviluppo hanno posto le basi per la trasformazione della regione dell'Asia centrale in un'unica piattaforma commerciale, di investimento, di trasporto e di comunicazione, promuove l'attuazione di progetti di cooperazione industriale in vari settori dell'economia, a partire dall'industria automobilistica e terminando con l'agricoltura, l'attuazione dell'integrazione dei trasporti e del transito, l'ampliamento dei contatti tra le regioni dei nostri stati, l'approfondimento dei legami culturali e umanitari.

L'Asia centrale stabile sta diventando uno dei centri importanti della crescita economica. Secondo alcuni esperti, il PIL totale dei paesi della regione è cresciuto del 25 per cento negli ultimi quattro anni e ha superato i 300 miliardi di dollari. Il fatturato commerciale dell'Uzbekistan con i paesi della regione è decuplicato e ha superato i 6,5 miliardi di dollari. Si stanno rafforzando i legami di cooperazione, sono state create società di investimento congiunte e altri strumenti finanziari per la realizzazione di grandi progetti. A loro volta, le imprese uzbeke hanno iniziato a investire attivamente nei paesi vicini, il che contribuisce allo sviluppo delle economie e alla creazione di nuovi posti di lavoro.

La conseguenza di tali cambiamenti è stata anche lo sviluppo coerente da parte dei paesi di posizioni concordate su questioni intraregionali e uno stretto coordinamento sulle piattaforme internazionali e regionali. La posizione unificata degli stati dell'Asia centrale ha cominciato a farsi sentire nell'ambito delle Nazioni Unite, della CSI, della SCO, dell'OIC, dell'ECO, dell'OTG e di altre strutture.

La politica estera dell'Uzbekistan mira anche a rafforzare l'interconnessione della regione dell'Asia centrale con altri importanti partner e regioni. A questo obbiettivo è servita la conferenza internazionale di alto livello «Asia centrale e meridionale: interconnessione regionale» organizzata nel luglio 2021 a Tashkent.

L'interesse della comunità internazionale per l'intera regione dell'Asia centrale è notevolmente aumentato, e la regione stessa è interessata anche alle piattaforme multilaterali attraverso le quali i paesi dell'Asia centrale cercano di costruire un dialogo costruttivo con i principali attori mondiali a condizioni di parità.

Il nostro Paese è anche interessato a instaurare un dialogo bilaterale costruttivo con gli Stati membri dell'UE: come ha osservato Mirziyoyev al primo vertice tra Asia centrale e Unione europea, tenutosi di recente, "vi sono ancora problemi irrisolti nella regione. Ma siamo convinti che la nostra forte volontà politica e lo spirito creativo comune contribuiranno all'ulteriore riavvicinamento dei paesi fratelli e popoli della regione».