Uzbekistan, Tashkent “piattaforma negoziale” sull’Afghanistan

Image from askanews web site
Image from askanews web site

Roma, 10 set. (askanews) - Il ripristino dell'economia afgana potrebbe essere uno degli argomenti chiave dell'imminente summit dell'Organizzazione per la cooperazione di Shanghai (SCO) a Samarcanda il 15-16 settembre 2022, con l'Uzbekistan che si pone sempre più come "piattaforma per negoziati e discussioni" sull'Afghanistan, anche dopo la conferenza internazionale "Afghanistan: Security and Eomic Development" tenutasi a Tashkent nel luglio 2022 e alla quale hanno partecipato delegazioni di oltre venti paesi stranieri e istituzioni internazionali.

"La 'piattaforma di Tashkent' ha già dimostrato la sua efficacia e può diventare ulteriormente una piattaforma per negoziati e discussioni su punti chiave che riguardano l'Afghanistan, come la sicurezza, la prevenzione delle minacce di estremismo e terrorismo, la creazione di un governo inclusivo, la garanzia dei diritti umani e delle libertà, la ripresa socio-economica, l'attuazione di infrastrutture e progetti umanitari", si legge in una nota diffusa dall'ambasciatore dell'Uzbekistan in Italia, Otabek Akbaro.

"L'ulteriore sviluppo della situazione in Afghanistan e il ritorno del paese alle moderne relazioni economiche mondiali e alle relazioni internazionali, nonché alla stabilità nella regione, dipenderanno dalla ricerca di soluzioni reciprocamente accettabili su questi problemi, prima di tutto da parte degli Stati membri della SCO", si legge ancora.