Va perfezionata la circolare Inps sui criteri e sulle categorie dei lavoratori colpiti dal Covid

·2 minuto per la lettura
l'Inps sta perfezionando la circolare
l'Inps sta perfezionando la circolare

Decreto Sostegni con bonus da 2400 euro: la scadenza per la domanda slitta al 31 maggio dal termine precedente del 30 aprile. Il motivo? La pubblicazione ancora in corso d’opera della circolare Inps numero 65/2021. Del documento cioè con i protocolli di assegnazione del bonus destinato ad alcune categorie di lavoratori colpiti dall’emergenza Covid. La presa in carico delle domande sarà attiva entro questa settimana sul portale Inps, ma lo sarà solo a completamento dei passaggi amministrativi e tecnologici fra cui spiccano gli step per “setacciare” eventuali incompatibilità.

Decreto Sostegni, bonus da 2400 euro: a chi spetta

A chi è destinato il bonus contenuto nel Decreto Sostegni? A coloro che l’anno scorso erano rimasti tagliati fuori fra lavoratori stagionali, a tempo determinato e in somministrazione dei settori del turismo e degli stabilimenti termali. Poi lavoratori stagionali e in somministrazione di settori diversi dai settori del turismo e degli stabilimenti termali. Ancora: lavoratori intermittenti, autonomi occasionali, incaricati delle vendite a domicilio e dello spettacolo. Finora l’Inps ha liquidato somme a beneficio di oltre 235mila lavoratori delle stesse categorie già beneficiarie delle altre indennità che però non hanno dovuto redigere una domanda, cioè i beneficiari dell’accredito delle somme in automatico.

Le categorie specifiche di lavoratori

La circolare dell’Inps è chiara, nelle sue parti non in divenire: hanno facoltà di presentare domanda per il bonus da 2.400 euro i lavoratori stagionali dei settori del turismo e degli stabilimenti termali anche in somministrazione. Lavoratori che hanno cessato involontariamente un rapporto di lavoro tra il I gennaio 2019 e il 23 marzo 2021 per almeno trenta giornate. Lavoratori poi che non siano, al 23 marzo 2021, titolari di trattamento pensionistico diretto, né di indennità di disoccupazione Naspi, né di rapporto di lavoro dipendente- L’indennità anche per i dipendenti stagionali e in somministrazione di settori diversi da quelli del turismo e degli stabilimenti termali.