Vacanze culturali e naturalistiche, il 2022 è l'anno della Calabria

Dal cinquantesimo anniversario della scoperta dei Bronzi di Riace alla riscoperta della Magna Grecia, il 2022 sembra essere proprio l’anno della Calabria.

UN dettaglio di uno dei tanti meravigliosi siti archeologici presenti nella Regione Calabria - Foto: Federico Neri via HF4
UN dettaglio di uno dei tanti meravigliosi siti archeologici presenti nella Regione Calabria - Foto: Federico Neri via HF4

La Regione è stata inserita dal Time nel World’s Greatest Places per quest’anno, che la portano di diritto in cima alle classifiche come meta per vacanze naturalistiche e culturali, sia d’estate che d’inverno.

Parchi archeologici, musei e paesaggi naturali si susseguono lungo tutta la Calabria, a partire dalla costa ionica, dove tutto ebbe inizio.

Regione Calabria, tra storia e natura

Il parco archeologico di Sibari conserva i resti di circa mille anni di storia e il “Toro Cozzante”, che insieme ai Bronzi di Riace rappresenta uno dei reperti più importanti.

E ancora Locri, la cittadina greca di Skylletion e Ulisse, la villa romana di Casignana, lo stretto di Messina a Reggio Calabria e l’area archeologica di Hipponion a Vibo Valentia. L'iniziativa Bronzi 50 1972-2022 celebra tutto questo, ed è promossa dalla Regione Calabria.

Foto: Federico Neri via HF4


Bronzi di Riace, in occasione del cinquantenario del ritrovamento esce ‘Bronzi di Riace Original Soundtrack’