Vaccini a familiari, indagati medici e infermieri a Oristano

Primo Piano
·1 minuto per la lettura
Getty Creative
Getty Creative

Avrebbero somministrato il vaccino Pfizer a propri familiari senza che questi ne avessero diritto. Per questo a quindici tra medici e infermieri, indagati dalla Procura di Oristano per abuso d'ufficio e peculato, sono stati notificati avvisi di garanzia dai Carabinieri del Nas di Cagliari.

I familiari del personale sanitario che avrebbero ricevuto la dose di vaccino contro il Covid-19 non appartenevano a categorie fragili e non erano delle fasce di età previste. Le indagini dei carabinieri del Nas si sono concentrate sul Punto vaccinale territoriale di Oristano dove operavano i 15 indagati.

L'inchiesta sui "furbetti del vaccino" era stata aperta la settimana scorsa dopo l'informativa dei Nas sulle irregolarità emerse a fine marzo nei documenti della Assl relativi agli elenchi e ai certificati vaccinali.

GUARDA ANCHE: L'ONU rilancia l'allarme: "Carenza di vaccini, una minaccia globale"

GUARDA ANCHE: Salvini "Stufo dei furbetti del vaccino"