Vaccini anti Covid a 40enni e 50enni, ecco le date

Primo Piano
·1 minuto per la lettura
(Photo by Antonio Masiello/Getty Images)
(Photo by Antonio Masiello/Getty Images)

In Italia sono state somministrati circa 20 milioni di vaccini anti-Covid (quasi 6 milioni di persone hanno ricevuto anche la seconda dose). Al momento la fascia d’età maggiormente assistita è quella degli over 80, circa 6 milioni 700 mila somministrazioni. Segue la fascia 70-79 con oltre 4 milioni, quindi la fascia 60-69 con quasi 3 milioni. Dopo i primi mesi di vaccinazioni dedicati quasi esclusivamente agli over 65, spuntano le prime date su quando a immunizzarsi saranno i 40enni e i 50enni.

Il nostro Paese ha finalmente registrato il primo giorno in cui si sono registrate 500mila somministrazioni in 24 ore (508.158 il 29 aprile), obiettivo del generale Francesco Paolo Figliuolo, commissario per l’emergenza Covid. A maggio arriveranno altre 17 milioni di fiale, a giugno se ne attendono 30 milioni.

Qualora si rispettasse il ritmo delle vaccinazioni, quindi intorno alle 500 mila al giorno, allora presto potrebbe toccare alle fasce anagrafiche più giovani. L’ipotesi è che a fine maggio si possa partire con le prenotazioni della fascia dai 45 ai 49 anni, con inizio delle vaccinazioni a metà giugno. Poi toccherebbe alle persone dai 40 ai 44 anni, che inizierebbero a essere immunizzate a inizio luglio.

Vaccinando tutti gli over 40, a fine luglio si raggiungerebbe l’immunità di gregge per il 60%. A settembre, invece, si toccherebbe l’80%. Numeri e prospettive in linea con il piano vaccinale.

GUARDA ANCHE - Un vaccino low cost prodotto dalle uova