Vaccini in aziende lombarde, M5s: ennesimo pasticcio maggioranza

Red
·1 minuto per la lettura
Image from askanews web site
Image from askanews web site

Milano, 12 mar. (askanews) - "Le vaccinazioni aziendali predisposte dalla Giunta Fontana puntano soltanto a favorire Confindustria che per ora è l'unica associazione ad aver aderito. Leggendo la Delibera di Giunta Regionale, quello che a prima vista sembrerebbe un buon intervento, in realtà non lo è affatto. Anzi, è l'ennesimo pasticcio di questa maggioranza". Lo scrive in una nota il consigliere regionale del Movimento 5 Stelle Raffaele Erba, secondo cui "in primis si tratta di un accordo sperimentale a cui possono partecipare soltanto le imprese associate a Confindustria o ad eventuali altre associazioni di categoria che aderiranno".

"Fermo restando il doveroso rispetto della priorità verso le fasce fragili - osserva Erba - a questo punto si apre un duplice problema. Il primo è che in questo modo si penalizzano la maggioranza dei dipendenti delle aziende che non sono iscritte ad alcuna associazione o che appartengono ad associazioni che non aderiranno al protocollo. Il secondo è che non si riescono a comprendere i tempi di questa sperimentazione e quando verrà resta strutturale. Nella Delibera di Giunta non è specificata nessuna data".

"Il rischio - aggiunge - è che si arrivi alla conclusione della campagna vaccinale di massa favorendo soltanto una parte degli iscritti a Confindustria e non aprendo questo ulteriore vaccinale al resto dei lavoratori. A nostro avviso l'accordo andava stipulato soltanto con l'Associazione Nazionale Medici d'azienda, eliminando le restrizioni legate all'appartenenza alla categorie, approccio necessario per evitare la creazione di lavoratori di serie A e di serie B".