Vaccini battono Variante Delta. Quasi azzerate le ospedalizzazioni. I numeri Uk

·2 minuto per la lettura
A nurse writes notes as a patient lies in bed (Rear) in the Intensive Care Unit (ICU) for COVID-19 patients at the Casalpalocco Clinical Institute in Rome on November 18, 2020. - The coronavirus has killed at least 1,339,130 people since the outbreak emerged in China last December, according to a tally from official sources compiled by AFP at 1100 GMT on November 18, 2020. (Photo by Filippo MONTEFORTE / AFP) (Photo by FILIPPO MONTEFORTE/AFP via Getty Images) (Photo: FILIPPO MONTEFORTE via AFP via Getty Images)
A nurse writes notes as a patient lies in bed (Rear) in the Intensive Care Unit (ICU) for COVID-19 patients at the Casalpalocco Clinical Institute in Rome on November 18, 2020. - The coronavirus has killed at least 1,339,130 people since the outbreak emerged in China last December, according to a tally from official sources compiled by AFP at 1100 GMT on November 18, 2020. (Photo by Filippo MONTEFORTE / AFP) (Photo by FILIPPO MONTEFORTE/AFP via Getty Images) (Photo: FILIPPO MONTEFORTE via AFP via Getty Images)

I vaccini proteggono dalla malattia grave causata dalle varianti e prevengono l’ospedalizzazione anche con la variante Delta con un percentuale che si attesta sopra il 95%. Tutti i vaccini, nessuno escluso: non solo Pfizer ma anche AstraZeneca. A dirlo è l’ultimo “COVID-19 vaccine surveillance report - Week 26” dell’agenzia nazionale di salute pubblica Public Health England. Stando ai dati raccolti, dopo la prima dose di vaccino l’efficacia nella riduzione delle ospedalizzazioni è del 78% nel caso della variante Alpha e dell′80% nel caso della variante Delta. Dopo la seconda dose, si va dalla protezione all′93% nel caso della variante Alpha al 96% nel caso della variante Delta.

Potrebbe sembrare che questi numeri contraddicano quanto sostenuto dal governo di Israele, ovvero che il vaccino Pfizer sia “in maniera significativa” meno efficace nel prevenire la diffusione della variante Delta. Ma in realtà non così perché, come spiega Natalie E. Dean, professoressa di biostatistica alla Emory University e specializzata nei virus emergenti, i dati che arrivano da Israele non sono ancora affidabili perché valutare l’efficacia di un vaccino per bloccare l’infezione è molto complicato. I numeri raccolti dal Public Health England in realtà dicono che i vaccini (anche AstraZeneca) proteggono dalla malattia grave e dall’ospedalizzazione causata dalla variante Delta sopra il 95%.

Questo contenuto non è disponibile a causa delle tue preferenze per la privacy.
Per visualizzarlo, aggiorna qui le impostazioni.

Per questo anche il professor Roberto Burioni ribadisce quanto sia importante vaccinarsi.

Questo contenuto non è disponibile a causa delle tue preferenze per la privacy.
Per visualizzarlo, aggiorna qui le impostazioni.

Ma torniamo al report per capire meglio i dati. “Diversi studi clinici fatti per ognuno dei vaccini approvati nel Regno Unito hanno dimostrato quanto essi siano efficaci nel prevenire la malattia sintomatica nella popolazione studiata. L’importante è continuare a valutare l’efficacia dei vaccini nel ‘mondo reale’”. I ricercato...

Questo articolo è originariamente apparso su L'HuffPost ed è stato aggiornato.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli