Vaccini, Bertolaso: correre con terze dosi, presto ok per i bimbi

·2 minuto per la lettura
Image from askanews web site
Image from askanews web site

Milano, 29 ott. (askanews) - "Dobbiamo correre con le terze dosi anche per i più giovani, soprattutto gli immunizzati con AstraZeneca, e vaccinare i Paesi poveri". Lo dice Guido Bertolaso, coordinatore della campagna vaccinale della Regione Lombardia, in un'intervista al Corriere della Sera.

Spiega Bertolaso: "A dicembre probabilmente allargheremo la campagna anche ai giovani. E presto proteggeremo con la prima dose i bambini dai 5 agli 11 anni, così vaccinerò la mia nipotina. Ma c'è un'altra categoria prioritaria. Stiamo per pubblicare uno studio di Giovanni Corrao, professore di Statistica medica all'università Bicocca di Milano, da cui emerge che l'immunità nei vaccinati con AstraZeneca cala più rapidamente rispetto a quella nei pazienti protetti con Pfizer o Moderna. In base a questi dati dico agli over 60 che hanno ricevuto AstraZeneca di sbrigarsi con la terza dose, se sono già trascorsi 6 mesi dall'ultima iniezione. E vanno coinvolti anche gli under 60 e gli insegnanti immunizzati con questo farmaco. Mi auguro che il ministero della Salute ci autorizzi a farlo presto". Le terze dosi si faranno con Pfizer, spiega ancora Bertolaso, "non perché AstraZeneca non sia sicuro, ma perché Pfizer garantisce una copertura più elevata e duratura".

Altro obiettivo, sostenere i Paesi più poveri: "Siamo pronti a portare la campagna in Sierra Leone. D'altra parte, come dice Alberto Mantovani, o ci vacciniamo tutti o non ci liberiamo del virus. Il ministro della Salute Roberto Speranza ci ha dato l'ok, ora attendiamo l'autorizzazione di Moderna. Altrimenti chiederemo a un'altra azienda produttrice". Chi andrà in Sierra Leone? "Manderemo tre o quattro medici nostri. Il team leader sarà Agostino Miozzo (ex coordinatore del Cts, ndr), partirà il 10 novembre con i tecnici di Areu, l'agenzia per l'emergenza urgenza. Faremo rete con realtà come Emergency e il Cuamm. Poi Miozzo andrà a Bruxelles. Serve un gioco di squadra, l'Italia è pronta a metterci la faccia".

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli