Vaccini, bonus dosi alle Regioni "più veloci": la strategia di Figliuolo

·2 minuto per la lettura

Il commissario per l'emergenza Covid-19, il gen. Francesco Figliuolo, ha ritenuto utile cominciare una ripartizione maggiorata delle dosi di vaccino per le regioni che viaggiano più spedite, diminuendole a quelle più in difficoltà con le somministrazioni (in prevalenza di AstraZeneca e Johnson&Johnson). 

LEGGI ANCHE: Vaccino Pfizer, quanti giorni per il richiamo: interviene l'Ema

Non si tratta di una punizione e nemmeno di un disallineamento negli stock, ma di una strategia "a fisarmonica" che vale come anticipo sulle consegne, secondo un meccanismo meritocratico. Chi è andato a regime con il piano (come il Veneto, la Lombardia, la Puglia) ha diritto ad avere più dosi recuperandole da chi invece è più lento (come Sicilia e Calabria, che sono sotto gli obiettivi).

GUARDA ANCHE - Vaccini Covid, l'Ue non rinnova il contratto con AstraZeneca

La situazione dosi Pfizer in Italia

Nei primi 136 giorni di campagna vaccinale, le Regioni hanno fatto "il pieno" di Pfizer, con il Veneto al 100%. Cioè ha somministrato tutte le dosi a disposizione. Il Lazio è al 99%, la Lombardia al 98% in media col dato nazionale. L’arrivo di altre 2,1 milioni di dosi permette una certa elasticità nell’accogliere la raccomandazione del Cts e di Ema che hanno spostato "fino a 42 giorni" il richiamo. L’Emilia Romagna l’ha fissato a 35 giorni, la Campania e il Lazio restano a 31. La scelta dipende anche dal numero di prenotazioni degli over 50 e della fascia 40-49 anni che si aprirà lunedì 17 maggio.

Moderna sottoutilizzato

La media nazionale si attesta al 78% delle dosi somministrate rispetto a quelle a disposizione. Il dato è persino più basso di quello di AstraZeneca (81%) che però registra forniture superiori e quindi l’impatto generato dalla diffidenza della popolazione determina un rallentamento maggiore della campagna. Friuli-Venezia Giulia (54% delle dosi somministrate), Lazio (61%) e Sicilia (72%) le regioni più in ritardo.

J&J in farmacia

Per quanto riguarda il siero di Johnson&Johnson, ci sono ferme nei frigoriferi oltre 150mila monodosi, ovvero il 44% delle fiale a disposizione. La strategia è quella di attendere quando il canale delle farmacie (e dei medici di base) diventerà operativo, i primi di giugno. Si prenoteranno gli slot individualmente in base alla disponibilità delle fiale.

Cosa aspettarsi nelle prossime settimane

Da qui a fine maggio sono previsti 3 milioni di dosi a settimana, a giugno 25 milioni di dosi: la campagna subirà un’accelerazione e verranno coperti tutti coloro tra i 40 e i 59 anni, si sbloccheranno le prenotazioni per tutte le altre età. Entreranno in gioco anche le aziende e i 732 punti vaccinali che si aggiungeranno alla rete attuale. A luglio e agosto si dovranno garantire le somministrazioni anche nelle località turistiche. A settembre al via la campagna nelle scuole.

GUARDA ANCHE - Rompe dose vaccino, incredibile storia di una infermiera

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli