Vaccini covid 5-11 anni, i dubbi di Crisanti e la replica di Severgnini

·1 minuto per la lettura

Vaccini anti covid ai bambini dai 5 agli 11 anni, il professor Andrea Crisanti, ieri sera ospite di Otto e Mezzo, ha ribadito ancora una volta i dubbi sulla somministrazione nei più piccoli. "O stiamo tutti zitti, o se qualcuno pone un problema, il problema va sviscerato", dice il direttore del laboratorio di microbiologia e virologia dell'università di Padova. "Ma non in televisione, non in prima serata professore... ", la replica di Beppe Severgnini alle parole dell'esperto. E alle affermazioni di Crisanti sulla scarsità di dati disponibili replica anche Lilli Gruber, che fa notare come milioni di bambini tra Stati Uniti e Israele siano già stati vaccinati contro il covid: "Potenzialmente sono d'accordo, ma ci sono complessità che magari i non esperti non colgono", ribatte Crisanti, che aggiunge: "E' chiaro che questa è l'opinione di un gruppo di esperti che ha utilizzato dei dati che in altre circostanze non avrebbe utilizzato".

"Sono favorevolissimo ai vaccini - continua il professore - e credo che i bambini prima o poi debbano essere vaccinati, non c'è nessun dubbio su questo. Però quello studio in particolare su cui si basano le autorizzazioni ha problemi".

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli