Vaccini Covid, Bassetti: "10-15% italiani scettico, ministero latita"

·1 minuto per la lettura

"Purtroppo sta venendo fuori che c'è in Italia ancora un 10-15% della popolazione scettica sul vaccino" anti Covid. "Su questo il ministero della Salute e il ministro Speranza hanno fatto poco per una adeguata campagna per convincerli". Lo sottolinea all'Adnkronos Salute Matteo Bassetti, direttore della Clinica di Malattie infettive dell'ospedale San Martino di Genova e componente dell'Unità di crisi Covid-19 della Liguria.

"Doveva essere la più grande campagna di comunicazione della storia sulla sanità - rimarca il medico - con un bombardamento continuo sui social e sui media per spiegare l'importanza dei vaccini. Invece non è stato fatto nulla e il ministero ha perso un'occasione buona per aiutare a capire l'importanza dei vaccini anti Covid".

"Si è dimenticato troppo presto quello che è accaduto con la legge Lorenzin sull'obbligo vaccinale per l'iscrizione a scuola", osserva. "Dispiace che chi occupa una posizione così importante non abbia continuato l'ottimo lavoro fatto dalla Lorenzin", conclude Bassetti.