Vaccini, Irbm: AstraZeneca non trae profitto, 2,80 euro a dose

·1 minuto per la lettura
featured 1248678
featured 1248678

Roma, 19 mar. (askanews) – “Sono molto orgoglioso di trovarmi coinvolto in questa splendida avventura con la multinazionale AstraZeneca. Sento parlare continuamente di vaccino bene universale, vaccino bene di tutti, è indispensabile che le multinazionali mettano a disposizione il loro prodotto per salvare più gente possibile. AstraZeneca ha fatto questa scelta specifica: si è impegnata a vendere 3 miliardi di dosi al costo industriale di 2,80 euro circa. Penso che questa cosa sia passata inosservata, come se fosse normale o dovuta. E’ l’unica multinazionale che ha rinunciato a miliardi di euro di utile”. Lo afferma, in una intervista ad askanews, Piero Di Lorenzo, presidente del Gruppo IRBM di Pomezia, l’Istituto che conduce progetti di ricerca integrati nel campo biochimico farmaceutico e che affianca Astrazeneca nei test di controllo sul vaccino.