Vaccini Lombardia, accordi con privati, Avis e cooperative medici

Red
·2 minuto per la lettura
Image from askanews web site
Image from askanews web site

Milano, 17 mar. (askanews) - Potenziare l'offerta vaccinale e salvaguardare il livello di prestazioni erogate dalle strutture sanitarie, anche per l'espletamento di tutte le altre attività non correlate con la pandemia. Questi gli obiettivi delle tre delibere approvate dalla Giunta regionale su proposta della vicepresidente e assessore al Welfare, Letizia Moratti.

I provvedimenti, in particolare, approvano gli accordi con le strutture sanitarie e sociosanitarie private, con Avis e con le Cooperative dei medici di medicina generale per l'attuazione del piano vaccinale Covid-19.

"Siamo molto soddisfatti - afferma Letizia Moratti - ogni giorno aggiungiamo dei tasselli fondamentali in questa nostra battaglia contro il Covid, grazie anche al coinvolgimento di più attori. Va poi sottolineato che tutti gli accordi saranno attuati nel rispetto rigoroso delle priorità stabilite dalle indicazioni nazionali e dei criteri del piano vaccinale regionale". "L'intesa raggiunta con le strutture private accreditate - aggiunge Moratti - consentirà la prosecuzione dell'attività di vaccinazione senza pregiudicare il livello di prestazioni ambulatoriali e, allo stesso tempo, riconoscendo lo sforzo organizzativo delle strutture per l'allestimento dei punti vaccinali".

Ulteriori 32 milioni di euro verranno destinati alle attività di somministrazione. Sarà prevista l'individuazione di una specifica funzione non tariffata da riconoscere a tutti gli erogatori (sia pubblici che privati) a fronte dell'attivazione degli ambulatori vaccinali per le inoculazioni anti Covid-19. Complessivamente, le risorse previste nella delibera di Giunta sono pari a 48 milioni nell'ambito degli importi già stanziati in Bilancio.

Analogamente a quanto previsto per le strutture sanitarie, anche per le cooperative dei medici di medicina generale viene previsto il riconoscimento delle attività organizzative (adesione, prenotazione, registrazione nei sistemi informativi) attraverso l'attribuzione di una quota pari a 4,50 euro per singola somministrazione. "In questo caso - spiega l'assessore al Welfare - l'aspetto qualificante dell'intesa è la previsione del monitoraggio dello stato di salute dei soggetti vaccinati nei due mesi successivi alla somministrazione".

Le cooperative, oltre a supportare i Medici di medicina generale e i pediatri di libera scelta, dovranno garantire almeno due linee vaccinali, assicurando l'erogazione complessiva di almeno 150 vaccinazioni al giorno, sei giorni su sette. Per questo accordo, fino a giugno, è previsto uno stanziamento di 8 milioni di euro. Con il terzo accordo, Avis mette a disposizione i propri professionisti per la vaccinazione dei donatori e dei familiari in considerazione dell'importanza che la donazione ricopre nell'ambito delle cure. Viene previsto il mero riconoscimento della tariffa di somministrazione pari a 6 euro. All'interno di questo accordo, le singole Avis provinciali e comunali provvederanno a sottoscrivere appositi accordi contrattuali con le Ats di competenza. Il supporto garantito da Avis consisterà nella messa a disposizione del personale amministrativo e sanitario necessario per la copertura e operatività delle postazioni vaccinali.