Vaccini, Oms "In Europa inaccettabile lentezza"

Redazione
·2 minuto per la lettura

GINEVRA (SVIZZERA) (ITALPRESS) - "I vaccini rappresentano la nostra migliore via d'uscita da questa pandemia. Non solo funzionano, ma sono anche molto efficaci nel prevenire le infezioni. Tuttavia, il lancio di questi vaccini e' inaccettabilmente lento. E fintanto che la copertura rimane bassa, dobbiamo applicare le stesse misure di salute pubblica e sociali che abbiamo applicato in passato, per compensare i ritardi nei programmi". Ad affermarlo in una nota Hans Henri P. Kluge, direttore regionale dell'Oms per l'Europa. "Vorrei essere chiaro - aggiunge -, dobbiamo accelerare il processo aumentando la produzione, riducendo gli ostacoli alla somministrazione dei vaccini e utilizzando ogni singola fiala che abbiamo in magazzino". "Il rischio che la vaccinazione in corso fornisca un falso senso di sicurezza alle autorita' e al pubblico e' considerevole e questo comporta un pericolo", ha spiegato Kluge.

Considerato che le varianti continuano a diffondersi e la tensione sugli ospedali aumenta, per l'Oms le festivita' religiose stanno portando a una maggiore mobilita'. Nella nota dell'Organizzazione mondiale della sanita', si sottolinea come accelerare la diffusione della vaccinazione sia fondamentale poiche' i nuovi casi in Europa stanno aumentando in ogni fascia di eta', tranne una. La scorsa settimana si e' assistito a un aumento della trasmissione di Covid-19 nella maggior parte dei paesi della regione europea con 1,6 milioni di nuovi casi e quasi 24.000 decessi. La regione rimane la seconda piu' colpita di tutte le regioni del mondo, con il numero totale di morti che si avvicina rapidamente a 1 milione e il numero totale di casi che sta per superare i 45 milioni. "Solo 5 settimane fa, il numero settimanale di nuovi casi in Europa era sceso a meno di 1 milione, ma ora la situazione nella Regione e' piu' preoccupante di quanto si sia visto in diversi mesi. Ci sono rischi associati all'aumento della mobilita' e dei raduni durante le festivita' religiose. Molti paesi stanno introducendo nuove misure che sono necessarie e tutti dovrebbero seguire il piu' possibile", ha affermato Dorit Nitzan, direttrice regionale per le emergenze per l'Ufficio regionale dell'OMS per l'Europa.

(ITALPRESS).

tai/sat/red