Statale Milano: per posti letto agli studenti obbligatorio il vaccino

·1 minuto per la lettura
(Photo by Pier Marco Tacca/Getty Images)
(Photo by Pier Marco Tacca/Getty Images)

Niente posto letto per i fuorisede della Statale di Milano che non hanno il Green Pass. Quello milanese è il primo ateneo che mette una stretta sulla protezione per il Covid, rendendo obbligatoria la vaccinazione per chi vuole rimanere nei convitti. Come scrive l'edizione locale de La Repubblica, la decisione è stata deliberata dal Cda dell'Ateneo che darà tempo agli studenti di presentare la certificazione di avvenuta vaccinazione Covid-19 fino al 31 dicembre. 

Durante la pandemia il numero di posti letto è stato dimezzato per garantire il distanziamento: le doppie sono state trasformate in singole, come nelle altre università. "La situazione di utilizzo a pieno regime sarà ottenuta entro la data indicata attraverso la copertura vaccinale dei beneficiari del posto alloggio", è scritto nella delibera.

GUARDA ANCHE: Scuola, Bianchi: "In presenza è la priorità assoluta"

"Nell'ultimo anno abbiamo dovuto bandire tutte le doppie e anche le triple in singole, questo per evitare la condivisione dei bagni e problemi nella gestione delle quarantene. Situazione che si è protratta già per un anno e mezzo, ma va contro a un altro diritto: quello degli studenti di avere posti letto. Di fatto bisogna prendere delle scelte, visto che già l'offerta è inferiore alle richieste. Noi abbiamo 64mila studenti e una quota del 15-20% è fuorisede", ha sottolineato la prorettrice ai Servizi agli studenti, Marina Brambilla.

GUARDA ANCHE: Green pass e vaccino obbligatorio, la politica si divide

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli