I vaccini scatenano le varianti? Risponde Burioni

·2 minuto per la lettura
I vaccini scatenano le varianti? Risponde Burioni  (Photo by Stefania D'Alessandro/Getty Images)
I vaccini scatenano le varianti? Risponde Burioni (Photo by Stefania D'Alessandro/Getty Images)

Roberto Burioni, professore all’Università San Raffaele, ha voluto commentare il tema del momento: i vaccini anti Covid sono i responsabili dell'emergere di nuove pericolose varianti? Il virologo ha interrotto così il suo lungo silenzio su Twitter per offrire una nuova "lezione".

GUARDA ANCHE - L'appello in lacrime di una no vax ricoverata: "Ho sbagliato, voi vaccinatevi"

"I vaccini provocano l’emergenza di varianti resistenti?", ha esordito Burioni. "Un virus (lasciamo perdere come) passa da un animale all’uomo. Se succede nel mondo senza vaccini questo virus comincia a mutare (abbiamo già detto come) e le mutazioni che conferiscono al virus un vantaggio (che tipicamente è costituito dalla maggiore contagiosità) cominciano a emergere e a prendere il sopravvento", afferma Burioni.

"A un certo punto - ha aggiunto Burioni - è arrivato in tempo record e nel pieno della pandemia, per la prima volta nella storia dell’Uomo, un vaccino molto efficace. A questo punto la variante conveniente per il virus non è più solo quella che si diffonde di più, ma anche quella che riesce a infettare i già vaccinati. Una simile variante, in assenza di vaccino, non avrebbe alcun vantaggio e non emergerebbe mai".

GUARDA ANCHE - Chi è Roberto Burioni

"Ma in presenza di vaccinati potrebbe emergere. Quindi, in un certo senso, è la vaccinazione a tappeto a creare le condizioni nelle quali un virus resistente potrebbe emergere. Però non fate l’errore di considerare questo un effetto negativo dei vaccini: senza vaccini la variante non potrebbe emergere semplicemente perché troverebbe la strada libera verso il contagiare tutto il mondo. Il vaccino è un ostacolo che il virus PROVA a superare con una variante. Ci riuscirà? Questo non possiamo saperlo".

"Che cosa si può invece dire con certezza? - ha concluso il virologo - Che per generare varianti il virus deve replicarsi infettando le persone. A ogni persona infettata il virus fa un tiro di dadi che potrebbe andargli bene, generando una variante resistente al vaccino. Quindi, in realtà, la strategia migliore che abbiamo per impedire a varianti virali resistenti al vaccino di emergere è vaccinare tutti quanti il prima possibile in modo da impedire al virus di replicarsi, e di provare a fregarci".

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli