Vaccini, in Toscana firmato accordo con medici famiglia -2-

red/rus

Roma, 27 set. (askanews) - "L'impegno, supportato dalla nostra Regione, con il quale i medici di medicina generale sono "scesi in campo" nella passata stagione influenzale - sottolinea Alessio Nastruzzi - è stato quello di aumentare i tassi di copertura vaccinale a livelli che competono a una regione ai vertici del sistema sanitario come è la Toscana. Il risultato è stato ottenuto insieme all'ulteriore impegno della registrazione, nel sistema informativo regionale, dei dati delle persone vaccinate, al fine di ottenere un dato certo. Questo modello operativo, che ha coinvolto la stragrande maggioranza dei medici di famiglia, era non solo per la vaccinazione antinfluenzale, ma anche per quella anti-pneumococcica e anti-Herpes Zoster". Si parla - è bene chiarirlo - non delle vaccinazioni pediatriche, ma di tutte le vaccinazioni che riguardano adolescenti e adulti (vedi più avanti l'elenco delle vaccinazioni, e i destinatari). Finora i medici di famiglia sono entrati in campo solo per le vaccinazioni antinfluenzale, antipneumococcica e antizoster (queste due, proposte assieme alla vaccinazione antinfluenzale), e antimeningococcica C. Per tutte le altre vaccinazioni, i cittadini dovevano rivolgersi ai distretti delle Asl. Con questo accordo, i medici di famiglia assumono l'impegno di eseguire nei propri ambulatori tutte le vaccinazioni previste dal Piano nazionale prevenzione vaccinale 2017-2019; e l'impegno non si limita alla sola esecuzione della vaccinazione, ma prevede una partecipazione attiva del mmg in tutte le fasi, dalla promozione al monitoraggio. Il mmg è infatti una figura cruciale nella prevenzione vaccinale, che può efficacemente contribuire a ristabili re la fiducia dell'assistito, promuovendo una convinta adesione alle campagne e al calendario vaccinale.(Segue)