Vaccini, Toti: dal governo venticello di calunnia sulle regioni

Red
·1 minuto per la lettura
Image from askanews web site
Image from askanews web site

Milano, 9 gen. (askanews) - "Io non banalizzo le difficoltà di nessuno, so che il commissario Arcuri sta facendo una gigantesca pressione su Pfizer e Moderna, so che stiamo aspettando con il fiato sospeso l'approvazione di Astrazeneca. Quello che talvolta mi secca è lo scaricabarile e la gara al meglio o al peggio, che non è consona ai tempi. Come io riconosco le difficoltà di Arcuri, vorrei che venissero riconosciute le difficoltà delle Regioni. Se oggi un vaccino, uno, dal 27 dicembre è stato fatto in questo paese è grazie ai servizi sanitari regionali". Lo ha detto Giovanni Toti, presidente della Regione Liguria, nel corso della trasmissione Titolo V su Rai 3.

"Talvolta - ha aggiunto Toti - sento un venticello che è quello della calunnia per cui da consulenti dei ministri, governo in generale, trapela che ci sia un ritardo nel vaccinare le persone da parte delle Regioni, ora le regioni sono ovviamente diverse ed hanno sistemi sanitari differenti. Ma al momento se è stata fatta una sola singola iniezione nel nostro Paese, lo si deve al sistema sanitario delle singole Regioni".