Vaccini, Toti: primi a coinvolgere medici generici e sanità privata

Red
·1 minuto per la lettura
Image from askanews web site
Image from askanews web site

Genova, 22 mar. (askanews) - "La Liguria è stata la prima regione a curare un paziente con anticorpi monoclonali e l'accordo con i medici di medicina generale è arrivato prima da noi che a livello nazionale, come anche quello con i farmacisti e quello con la sanità privata, unico in Italia, che si farà carico di un ulteriore parte della campagna vaccinale e darà un importante aiuto". Lo ha detto il presidente e assessore alla sanità della Regione Liguria, Giovanni Toti, rispondendo alle critiche delle opposizioni durante la seduta odierna del consiglio regionale sulla campagna vaccinale.

"Ci sono state delle difficoltà - ha ammesso il governatore ligure - scelte che ci hanno fatto perdere efficienza, penso a quella di sparpagliare nella prima fase di campagna vaccinale le nostre squadre anche nei piccoli Comuni, dove talvolta la performance è stata inferiore rispetto a quella di chi ha scelto i grandi hub verso cui ci stiamo dirigendo oggi, recuperando quell'efficienza, ma ci sono aspetti che sono andati indubbiamente bene".

"Ad esempio - ha concluso Toti - non ho sentito dire che la Liguria è l'ottava regione per cittadini vaccinati su cittadini residenti, con il 4,74% della popolazione ligure vaccinata con due dosi di fronte a una media italiana del 4,05%, ed è all'ottavo posto anche per quanto riguarda le prime dosi in rapporto alla popolazione, con il 9,21% e una media italiana dell'8,72%".