Vaccino, cosa cambia per chi è allergico ai pollini: l'idea dell'immunologo

·2 minuto per la lettura
Vaccino, cosa cambia per chi è allergico ai pollini: l'idea dell'immunologo (Getty Images)
Vaccino, cosa cambia per chi è allergico ai pollini: l'idea dell'immunologo (Getty Images)

In piena stagione di pollini, sono molti i soggetti allergici che hanno alcuni dubbi sul vaccino anti Covid. È controindicato? Bisogna posticiparlo? A queste domande ha risposto l'immunologo Mauro Minelli. In una conversazione con l'Adnkronos Salute, Minelli ha spiegato: "I vaccini attualmente disponibili non sono controindicati nei soggetti allergici, tanto più a fronte della considerazione basica che mai un’eventuale reazione avversa al vaccino (di qualunque vaccino si tratti) verrà promossa dalle IgE e cioè dalle cellule protagoniste della risposta immunitaria ai pollini".

GUARDA ANCHE - Covid: quanto sono efficaci i vaccini? Il nuovo studio alimenta la speranza

Quello che si può pensare per chi ha i sintomi più acuti, ha dichiarato Minelli, è "una posticipazione dell’eventuale vaccinazione di qualche settimana".

In questo periodo, ha notato l'immunologo, "il sistema immunitario del soggetto allergico è costantemente ed intensamente impegnato a 'tenere a bada', attraverso le sue macchinose dinamiche cellulari e molecolari, l’azione incondizionabile di agenti aerodiffusi dai quali è quotidianamente aggredito. Se quello è l’impegno primario ed è anche molto faticoso, altre incombenze rischierebbero di risultare, per quel sistema, eccessive e non tali da essere contrastate con analoga diligenza e soprattutto con valida efficacia".

"Siccome la vaccinazione può essere temporalmente spostata di qualche settimana ma non la pollinazione che invece risponde a cicli biologici indifferibili, può essere opportuno prevedere - ha suggerito l'esperto - per i soggetti allergici con importante sintomatologia acuta, una posticipazione dell’eventuale vaccinazione a quando, tra qualche settimana, si sarà esaurita la pressione antigenica ambientale sostenuta dall’attuale sovraccarico di pollini che, soprattutto per le graminacee, quest’anno sembra essere particolarmente intenso".

GUARDA ANCHE - Sei allergico ai pollini? Una buona notizia dal fronte tecnologia

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli